Economics in Pills

Where we seize Power and Empowerment

Economia in pillole

Quando si lavora in ambito economico e finanziario si viene, inevitabilmente, catapultati in un modo pieno di termini tecnici. A volte è difficile destreggiarsi ed essere sicuri dell’utilizzo e del significato di questi termini. WiBF ha pensato proprio a voi, creando un elenco di termini “mai più senza” fondamentali per il vostro lavoro! 

The Yield Curve

Il rischio della curva dei rendimenti è il rischio di subire una variazione sfavorevole dei tassi di interesse di mercato associata all’investimento in uno strumento a reddito fisso. Quando i rendimenti di mercato cambiano, ciò influisce sul prezzo di uno strumento a reddito fisso. Quando i tassi di interesse di mercato, o i rendimenti, aumentano, il prezzo di un’obbligazione diminuirà e viceversa.

Intrinsic Value

Il valore intrinseco è il valore percepito o calcolato di un’attività, di un investimento o di una società. Il termine trova impiego nell’analisi fondamentale per stimare il valore di un’azienda e i suoi flussi di cassa. Un altro uso del valore intrinseco è nell’ammontare del profitto che esiste in un contratto di opzioni.

 

Preferred Stock

Le azioni privilegiate cumulative sono un tipo di azioni privilegiate con una disposizione che stabilisce che se in passato non sono stati pagati dividendi, i dividendi dovuti devono essere pagati prima agli azionisti privilegiati cumulativi. Questo prima che altre classi di azionisti di azioni privilegiate e gli azionisti comuni possano ricevere il pagamento dei dividendi. 

Annuity

Una rendita è un prodotto finanziario che paga un flusso fisso di pagamenti a un individuo, utilizzato principalmente come flusso di reddito per i pensionati. Le rendite sono create e vendute da istituti finanziari, che investono i fondi dei singoli e poi, dopo l’annualizzazione, emettono un flusso di pagamenti in un momento successivo. Il periodo di tempo in cui una rendita viene finanziata e prima dell’inizio dei pagamenti viene indicato come fase di accumulazione. Una volta iniziati i pagamenti, il contratto è in fase di annualizzazione.

Depreciation

L’ammortamento accelerato è qualsiasi metodo di ammortamento utilizzato a fini contabili o di imposte sul reddito che consenta maggiori deduzioni negli anni precedenti della vita utile di un bene. Mentre il metodo di ammortamento a quote costanti ripartisce il costo in modo uniforme lungo la vita utile di un bene, un metodo di ammortamento accelerato consente di dedurre maggiori spese nei primi anni successivi all’acquisto e minori spese man mano che la voce ammortizzata invecchia.

Standard Deviation

La deviazione standard è una statistica che misura la dispersione di un set di dati rispetto alla sua media ed è calcolata come radice quadrata della varianza, determinando la variazione tra ogni punto di dati rispetto alla media. Se i punti di dati sono più lontani dalla media, c’è una deviazione maggiore all’interno dell’insieme di dati; quindi, più i dati sono dispersi, maggiore è la deviazione standard.

Bull Market

Un Bull Market è la condizione di un mercato finanziario di un gruppo di titoli in cui i prezzi sono in aumento o si prevede che aumentino. Il termine “mercato toro” è usato più spesso per indicare il mercato azionario, ma può essere applicato a tutto ciò che è negoziato, come le obbligazioni, gli immobili, le valute e le materie prime. Poiché i prezzi dei titoli salgono e scendono essenzialmente in modo continuo durante la negoziazione. Il termine è tipicamente riservato a periodi prolungati in cui gran parte dei prezzi dei titoli è in aumento (tendono a durare mesi o anni).

Call Option

Le call option sono un accordo che dà all’acquirente dell’opzione il diritto, ma non l’obbligo, di acquistare un’azione, un’obbligazione, una merce o un altro strumento ad un determinato prezzo entro un determinato periodo di tempo. L’azione, l’obbligazione o la merce è denominata attività sottostante.

Systematic Risk

Il rischio sistematico è il rischio inerente all’intero mercato o segmento di mercato. Il rischio sistematico, noto anche come “rischio non diversificabile”, “volatilità” o “rischio di mercato”, riguarda il mercato nel suo complesso, non solo un particolare titolo o settore. Questo tipo di rischio è sia imprevedibile che impossibile da evitare completamente. Non può essere mitigato attraverso la diversificazione, solo attraverso la copertura o utilizzando la corretta strategia di asset allocation.

Moving Average

La media mobile (MA) è un indicatore ampiamente utilizzato nell’analisi tecnica che aiuta ad attenuare l’azione dei prezzi filtrando il “rumore” dalle fluttuazioni casuali dei prezzi a breve termine. È un indicatore che segue una tendenza, o un ritardo, perché si basa sui prezzi passati.

Compound Interest

L’interesse composto è l’interesse calcolato sul capitale iniziale, che comprende anche tutti gli interessi accumulati dei periodi precedenti di un deposito o di un prestito. Essi possono essere considerati come “interessi su interessi” e fanno crescere una somma ad un tasso più rapido rispetto agli interessi semplici, che vengono calcolati solo sul capitale. Il tasso al quale maturano dipende dalla frequenza della capitalizzazione, in modo tale che maggiore è il numero dei periodi di capitalizzazione, maggiore è l’interesse composto.

È calcolato moltiplicando l’importo del capitale iniziale per 1, più il tasso di interesse annuale aumentato al numero di periodi composti meno uno. L’importo totale iniziale del prestito viene quindi sottratto dal valore risultante. La formula per il calcolo degli interessi composti è:

Interesse composto = Importo totale del capitale e interesse futuro (o valore futuro) meno l’importo del capitale attuale (o valore attuale) = [P (1 + i)n] – P = P [(1 + i)n – 1] (dove P = capitale, i = tasso d’interesse nominale annuo in percentuale e n = numero di periodi composti).

Accettare un prestito triennale di $10.000 a un tasso di interesse del 5% che si compone annualmente. Quale sarebbe l’ammontare degli interessi? In questo caso, sarebbe: $10.000 [(1 + 0,05)3 – 1] = $10.000 [1,157625 – 1] = $1.576,25.

Coverage Ratio

Un coverage ratio, in senso lato, è un insieme di misure della capacità di un’azienda di servire il proprio debito e di soddisfare i propri obblighi finanziari, come il pagamento di interessi o dividendi. Più alto è il grado di copertura, più facile dovrebbe essere il pagamento degli interessi sul suo debito o il pagamento dei dividendi. L’andamento dei gradi di copertura nel tempo viene studiato anche dagli analisti e dagli investitori per accertare il cambiamento della situazione finanziaria di un’azienda.

Gli indici di copertura si presentano in diverse forme e possono essere utilizzati per aiutare a identificare le aziende in una situazione finanziaria potenzialmente problematica, anche se gli indici bassi non sono necessariamente un’indicazione del fatto che un’azienda si trovi in difficoltà finanziarie. Molti fattori contribuiscono a determinare questi indici e spesso si raccomanda un’analisi più approfondita dei bilanci di un’azienda per verificare lo stato di salute dell’azienda.

Enterprise Value

Il valore d’impresa (EV) è una misura del valore totale di un’azienda, spesso utilizzata come alternativa più completa alla capitalizzazione del mercato azionario. L’EV include nel suo calcolo la capitalizzazione di mercato di una società, ma anche i debiti a breve e a lungo termine, nonché le eventuali liquidità presenti nel bilancio della società.

Il valore d’impresa è una metrica popolare utilizzata per valutare una società per una potenziale acquisizione. Calcolare la capitalizzazione di mercato se non è prontamente disponibile moltiplicando il numero di azioni in circolazione per il prezzo corrente delle azioni. Totale di tutti i debiti presenti nel bilancio della società, inclusi i debiti a breve e a lungo termine. Aggiungere la capitalizzazione di mercato al totale del debito e sottrarre dal risultato le disponibilità liquide e i mezzi equivalenti.

Futures Contract

Un contratto futures è un accordo legale per acquistare o vendere una particolare merce o attività ad un prezzo predeterminato in un determinato momento futuro. I contratti futures sono standardizzati per qualità e quantità per facilitare la negoziazione in una borsa dei futures. L’acquirente di un contratto future si assume l’obbligo di acquistare l’attività sottostante alla scadenza del contratto future. Il venditore del contratto future si assume l’obbligo di fornire l’attività sottostante alla data di scadenza.

I contratti futures sono utilizzati da due categorie di partecipanti al mercato: gli hedgers e gli speculatori. I produttori o gli acquirenti di un’attività sottostante coprono o garantiscono il prezzo al quale la merce viene venduta o acquistata, mentre i gestori del portafoglio e gli operatori possono anche scommettere sui movimenti di prezzo di un’attività sottostante utilizzando i futures.

Esistono contratti futures su indici di borsa, materie prime e valute.

Exchange-traded Fund

ETF, o fondo quotato in borsa, è un titolo negoziabile che traccia un indice azionario, una merce, obbligazioni o un paniere di attività. Sebbene simili per molti aspetti, gli ETF si differenziano dai fondi comuni d’investimento a causa del fatto che le azioni vengono scambiate come un’azione comune in borsa.

Il prezzo delle azioni di un ETF cambia nel corso della giornata, man mano che vengono acquistate e vendute. Gli ETF più grandi hanno tipicamente un volume medio giornaliero più elevato e commissioni più basse rispetto alle azioni dei fondi comuni d’investimento. Mentre la maggior parte degli indici azionari degli ETF track, esistono anche ETF che investono nei mercati delle materie prime, nelle valute, nelle obbligazioni e in altre classi di attività.

Molti ETF hanno anche opzioni disponibili per gli investitori per utilizzare il reddito, la speculazione o le strategie di copertura.

Stock Option

Un’opzione su azioni dà all’investitore il diritto, ma non l’obbligo, di acquistare o vendere un’azione ad un prezzo e ad una data concordati. Ci sono due tipi di opzioni: put, che è una scommessa che un’azione cadrà, o call, che è una scommessa che un’azione salirà. Le opzioni danno al trader il diritto di comprare o vendere un’azione ad un prezzo e ad una data concordati.

Nell’esempio che segue, un trader ritiene che le azioni della Nvidia Corp (NVDA) saliranno in futuro a più di $170. Decidono di acquistare 10 gennaio $170 Calls che fanno trading ad un prezzo di $16,10 per contratto. Il risultato sarebbe che il trader spenderebbe 16.100 dollari per acquistare le chiamate. Tuttavia, affinché il trader possa guadagnare un profitto, il titolo dovrebbe salire al di sopra del prezzo d’esercizio e del costo delle chiamate, ovvero $186,10. Se il titolo non dovesse salire al di sopra dei $170, le opzioni scadrebbero senza valore e il trader perderebbe l’intero premio. Inoltre, se il trader vuole scommettere che Nvidia scenderà in futuro, potrebbe acquistare 10 gennaio $120 Puts per $11,70 per contratto. Il costo totale per il trader sarebbe di 11.700 dollari. Affinché il trader possa guadagnare un profitto, le azioni dovrebbero scendere al di sotto di 108,30 dollari. Se il titolo chiudesse al di sopra di $120, le opzioni scadrebbero senza valore, con conseguente perdita del premio.